Print Friendly, PDF & Email

acer_valdagnoAcer ha donato agli studenti di una classe primaria di un istituto veneto 20 Chromebook, particolarmente adatti al mondo Education e un Chromebook Spin 11 destinato al docente.
La donazione dei dispositivi all’Istituto Comprensivo Valdagno 2 è stata fatta alla presenza di Acer nella persona del Responsabile Edu Riccardo Tavola e della Preside dell’Instituto, Elenora Schiavo.
L’Istituto Comprensivo Valdagno 2, a cui verranno donati i computer, è situato nel cuore della città di Valdagno (Vicenza). Si tratta di un Istituto storico, costruito nel 1936, dagli spazi ampi, ariosi e perfettamente compatibili con le nuove tecnologie. Esso rappresenta oggi una realtà educativa attiva e propositiva nella città, contando più di 1300 studenti e tre gradi di scuola.
Eleonora Schiavo, Preside dell’Istituto afferma: “La nostra scuola è impegnata in un grande sforzo di innovazione e di miglioramento, che spazia dalle dotazioni informatiche, alla progettualità all’apertura al territorio e al mondo del Terzo Settore. Negli ultimi due anni abbiamo cablato l’intero edificio con connessione in fibra ottica, dotato tutte le aule dei Plesso di Lavagne Interattive Multimediali e rinnovato integralmente il nostro laboratorio informatico. La donazione di Acer ci permette ora di sperimentare modalità didattiche proattive, peraltro in una prospettiva inclusiva che presuppone l’utilizzo di software pensati per la facilitazione dell’apprendimento e per incentivare la motivazione dei ragazzi. L’Istituto Comprensivo Valdagno 2 rappresenta una realtà educativa innovativa e impegnata nella città di Valdagno; l’avvio di un nuovo percorso di sperimentazione metodologica consolida un progetto educativo che guarda al futuro in un misurato equilibrio tra forza dei contenuti, innovazione ed apertura al mondo. Siamo grati ad Acer per aver offerto all’Istituto Comprensivo Valdagno 2 un’ulteriore opportunità di crescita”.
I Chromebook saranno introdotti in una classe prima della Scuola Primaria Manzoni. Coordinerà la sperimentazione l’insegnante Giovanna Bicego, in collaborazione con la collega Anna Maria Moletta. “L’idea di introdurre fin dagli inizi della scuola primaria strumenti digitali” afferma l’ins. Bicego “nasce dalla necessità di portare la scuola al passo con il mondo reale. Ormai la tecnologia tocca tutti i settori della nostra vita e i bambini non possono evitare di entrare in contatto con essa. L’importante è che questo contatto avvenga in maniera controllata e sicura, nel rispetto delle regole di Cittadinanza Digitale. Grazie ad Acer abbiamo la possibilità di testare un percorso efficace e sicuro per gli studenti e per le loro famiglie.”

Share Button

Nessun banner disponibile