Print Friendly, PDF & Email

logo-conad-biancoIn un anno di sostanziale stabilità per le vendite al dettaglio e con i consumi delle famiglie che continuano a sostenere la progressiva ma lenta ripresa economica, Conad chiude il 2016 con un fatturato della rete di vendita di 12,4 miliardi di euro, 230 milioni in più rispetto al 2015 (+1,6%).
La quota di mercato si è attestata all’11,95%: cresce nei supermercati, al 20,71% (0,6 punti percentuali sopra il valore del 2015), e nel libero servizio, al 14,11%, 0,2 punti percentuali al di sopra del valore dell’anno precedente.
Il piano strategico di sviluppo che per il triennio 2017-2019 prevede investimenti per 1.101 milioni di euro – 413 nel 2017, 402 nel 2018 e 286 nel 2019 – finalizzati a nuove aperture e ristrutturazioni, a cogliere nuove opportunità di crescita e a migliorare l’efficienza energetica dei punti di vendita e dei magazzini, con il fatturato previsto in crescita del 4,7% all’anno. Il patrimonio netto aggregato, cresciuto a 2,2 miliardi di euro (+7,1% rispetto al 2015), consente di affrontare con la necessaria solidità economica gli investimenti programmati.
Intanto, l’andamento del fatturato della rete di vendita Conad nel primo quadrimestre 2017 registra un incremento di 171,6 milioni di euro (+4,8%) rispetto allo stesso periodo 2016. Performano meglio i punti di vendita Sapori&Dintorni (+17,6%), seguito da Ottico Conad (8,6%) e dai supermercati Conad (+6,2%).
Conad è l’unica catena della moderna distribuzione ad avere articolato la propria offerta in tutti gli attuali canali distributivi con 3.169 punti di vendita (erano 3.055 nel 2015), dal negozio sotto casa allo specializzato, dal superstore all’ipermercato e al discount, con una superficie di 1.904.035 mq. Punti di vendita differenti per funzione e dimensione accomunati da un unico intendimento: andare incontro al cliente offrendogli la risposta più idonea ad ogni sua esigenza. Vale per i 970 Conad City, i 493 Margherita Conad, i 1.077 Conad e i 15 Sapori&Dintorni, per i 205 Conad Superstore, i 25 Conad ipermercato e i 215 discount a insegna Todis. E gli altri specializzati: 36 distributori di carburanti, 108 parafarmacie, 10 Ottico, 12 Cremerie Sapori&Dintorni e 14 dell’ultimo nato in casa Conad, il Petstore.
I soci sono 2.713 e l’organico ha raggiunto le 51.509 unità, con un incremento di 4.127 posti di lavoro negli ultimi tre anni.
Nel corso del 2016, per dare risposta a nuovi modelli di consumo e a esigenze che impongono di risparmiare anche sulla spesa quotidiana, Conad ha riproposto la convenienza legata all’andamento quotidiano dei prezzi e alle promozioni, che evidenziano comunque una minore efficacia rispetto a quanto accadeva negli anni precedenti. Il risparmio complessivo di cui hanno usufruito i clienti ammonta a 686 milioni di euro nel solo settore del largo consumo confezionato.
Il prodotto a marchio si conferma, per l’ennesimo anno, una leva in grado di sviluppare il posizionamento di insegna in modo distintivo e di fidelizzare un numero crescente di clienti che trovano una risposta concreta ai loro bisogni legati alla spesa quotidiana. Il trend di crescita è di gran lunga superiore rispetto alle media del mercato, con un fatturato di 3 miliardi di euro (200 milioni in più rispetto al 2015, +7%). Il biologico e tutte le linee salutistiche e del benessere registrano buone performance di crescita.
Un prodotto su tre venduti è a marchio Conad; marchio che si conferma uno degli asset strategici del gruppo distributivo, dietro a cui c’è il lavoro con 620 fornitori, e che ha il gradimento di 8,3 milioni di famiglie che fanno la spesa in Conad ogni settimana.
Un contributo al risparmio delle famiglie è venuto anche dai carburanti: nel 2016 i 36 distributori di carburanti in attività hanno erogato 286 milioni di litri, con un incremento del 7,3% rispetto al 2015. La spesa media mensile per il rifornimento si è attestata a 118 euro contro quella media Italia di 125 euro, pari a 8,5 centesimi in meno al litro (sulla base del raffronto con i prezzi medi mensili Italia pubblicati dal ministero dello Sviluppo economico).
Vantaggi anche dalle 108 parafarmacie Conad, che hanno assicurato ai clienti un risparmio di circa il 20% rispetto ai prezzi praticati dalle farmacie tradizionali.
Completano l’offerta di servizi i 19 corner Ottico, anch’essi occasione di convenienza in un settore in cui si spendono in media 178 euro all’anno per l’acquisto di occhiali e lenti a contatto (il 14% della spesa di una famiglia per beni e servizi sanitari).
La novità del 2016 è stato il Petstore: 14 punti di vendita dedicati agli animali da compagnia, con un assortimento specializzato e prezzi in linea con quelli dei leader di mercato, che arricchiscono l’offerta della rete di vendita Conad per intercettare e dare risposta a nuovi stili di vita e abitudini di spesa.

Share Button