Ventesimo trimestre consecutivo di crescita per Fastweb. Grazie all’aumento di clienti, fatturato e margini si consolida la posizione dell’azienda nel mercato nazionale della banda larga e della convergenza. Si conferma il trend di crescita nell’acquisizione di utenti di servizi di accesso a banda larga con 89mila nuove unità che, al 30 giugno, portano la base clienti a 2,5 milioni. Nello stesso periodo i ricavi hanno raggiunto 1.011 milioni di euro, in aumento del 10% rispetto al primo semestre del 2017.
Il mercato continua dunque a premiare la strategia di Fastweb basata sulla continua innovazione tecnologica e di mercato ed in particolare la scelta di optare per offerte semplici e trasparenti e l’eliminazione di tutti i costi nascosti.
In crescita anche l’EBITDA che al 30 giugno 2018 ha raggiunto 310 milioni di euro, in crescita dell’5% rispetto al 2Q 2017 sulla base di dati confrontabili.
Continuano l’espansione e il potenziamento della rete ultra broadband di Fastweb, disponibile al 30 giugno in 16 milioni di abitazioni, di cui 8 con rete proprietaria. In particolare passano a 3.5 milioni le case raggiunte da rete FTTH, anche grazie al contributo di FlashFiber che a fine giugno raggiungeva una copertura di 1.5000.000 unità abitative e imprese.
Gli investimenti per la posa di reti FTTx, per l’ampliamento della rete WI-Fi nelle principali città italiane – anche propedeutica alla realizzazione futura delle reti 5G – e per i trial 5G in corso a Bari, Matera e Roma e lanciati lo scorso mese anche a Genova hanno portato gli investimenti di Fastweb nel trimestre a 297 milioni di euro, pari al 29% dei ricavi, e in leggero aumento rispetto allo stesso periodo del 2017. Ancora una volta una percentuale unica nel panorama italiano ed europeo e che conferma l’impegno robusto di Fastweb nella posa di infrastrutture strategiche nel paese.
In robusta crescita anche la quota di mercato di Fastweb nel mercato dei servizi a banda ultra-larga. Al 30 giugno 2018 i clienti Fastweb che hanno attivato servizi di connettività con velocità da 100 Mbs a 1 Giga erano 1.205.000, in crescita del 30% rispetto ai 926mila dello scorso anno: quasi un cliente consumer di Fastweb su due opta per servizi di connettività ultraveloce. Una posizione di mercato unica riconosciuta anche dall’AGCOM nell’ultimo Osservatorio Trimestrale: “Tra gli accessi oltre i 100 megabit, Fastweb risulta largamente il maggiore operatore con un peso pari quasi al 50%”.
Si confermano molto soddisfacenti anche nel secondo trimestre le performance della Business Unit Enterprise. In particolare, grazie a nuovi contratti stipulati con le amministrazioni centrali e locali nell’ambito della convenzione CONSIP per il Sistema Pubblico di Connettività e all’acquisizione di nuovi clienti nel settore privato, l’ordinato segna un +30% rispetto ai primi 6 mesi del 2017. Fastweb si conferma il primo operatore alternativo nel segmento dei grandi clienti pubblici e privati con una quota di mercato in termini di ricavi pari al 30%, grazie alla costante crescita nel corso degli anni.
Sempre estremamente positive le performance del segmento mobile: 1.280mila SIM attive – in crescita del 45% rispetto alle 880mila SIM attive nel secondo trimestre 2017. Il tasso di acquisizione di nuovi clienti si conferma decisamente sostenuto nonostante l’intensificarsi della competizione a seguito dell’ingresso di un nuovo operatore nel settore. In crescita di 6 punti, soprattutto, la percentuale di clienti “convergenti” che adottano servizi mobili assieme a quelli fissi e che rappresenta adesso il 27% della customer base di Fastweb. Si conferma dunque efficace la strategia di Fastweb di puntare sulla fornitura di servizi convergenti, coniugando qualità dei servizi erogata sulla migliore rete 4G e 4G plus del paese e una politica di totale trasparenza.

Share Button

Nessun banner disponibile