Un valido aiuto per le pulizie di tutti i giorni, soprattutto nella parte più noiosa e faticosa delle faccende domestiche: la pulizia dei pavimenti.
È così che si può definire in poche parole il nuovo Braava Jet 240 di iRobot, un robot lavapavimenti davvero compatto, tanto da essere contenuto all’interno del palmo di una mano. Ma soprattutto tanto compatto da potersi infilare nei più piccoli anfratti della casa al fine di scovare la polvere e lo sporco più nascosto.
Si tratta in realtà di un pulisci pavimenti, poiché, tramite un unico semplice tasto, quasi analogo a quelli in dotazione ai più moderni smartphone, è possibile scegliere tra tre diverse modalità di esecuzione: pulizia a secco, pulizia profonda con acqua e detergente e pulizia umida. Il liquido pulente viene erogato per mezzo di un apposita bocchetta presente nella sua parte anteriore, in modo che, una volta spruzzato, viene raccolto e cosparso dall’azione meccanica del panno posto nella sua parte inferiore, posizionato subito sul davanti delle due rotelle deputate al suo movimento.
Al di sotto del coperchio della parte posteriore, che all’occorrenza può fungere va vero e proprio manico per il trasporto del robot (pesa solo 1 kg), è posizionato invece il serbatoio in cui poter riporre l’acqua e il detergente. Dalla parte opposta, viceversa, vi è un apposito  interruttore per il distacco automatico del panno, in modo da non sporcarsi le mani una volta utilizzato.
Il suo utilizzo è davvero semplice: il robottino lava pavimenti è infatti in grado di tracciare autonomamente la mappatura dell’abitazione, evitando scale e gradini e, all’occorrenza, è possibile “istruirlo” anteponendo un ostacolo virtuale al suo cammino, in modo da evitare di farlo entrare in stanze o luoghi prestabiliti. Lo stesso si può dire del relativo programma di pulitura da utilizzare: anche in questo caso Braava Jet fa tutto da solo, quasi analizzasse in modo automatico la natura degli ambienti e i luoghi in cui si trova a operare.
La nostra prova ha riguardato alcuni ambienti della nostra redazione, spazi in cui il nuovo Braava Jet ha davvero sostituito in tutto e per tutto la mano dell’addetto alle pulizie. Il risultato migliore è stato realizzato sicuramente all’interno del bagno, luogo in cui il robottino ha saputo pulire a fondo le piastrelle del pavimento, grazie anche alla presenza di qualche goccia di detersivo non schiumoso.
In dotazione nella confezione d’acquisto vi sono 4 panni in dotazione, di diversa tipologia, a seconda della quantità di liquido che si vuole utilizzare: bagnato (di colore blu), umido (arancio) e a secco (bianco). Sempre in dotazione, anche il carica-batteria in cui riporre la batteria removibile (1.450 mAh) per poi inserirla in una qualsiasi presa di corrente dell’appartamento.
Anche la sua autonomia è risultata all’altezza della situazione, adattandosi a una sostanziale pulizia di tutti gli ambienti scelti per la prova; ambienti che hanno ricoperto un’area di circa 20 mq.

Share Button

Nessun banner disponibile