Print Friendly, PDF & Email

Il Consiglio di Amministrazione di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. ha esaminato e approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2018.
Nei primi sei mesi dell’anno, i ricavi complessivi dell’area Retail si sono attestati a 83,1 milioni di euro, in leggero calo rispetto a 84,7 milioni di euro dell’analogo semestre dell’esercizio precedente. L’analisi dei canali evidenzia rispetto al primo semestre 2017: una crescita del 2,3% dei Bookstore diretti, guidata dalla positiva performance del Libro; un calo dell’11% circa dei Megastore, legato alla contrazione delle vendite del consumer electronics e alla chiusura di due punti vendita; una crescita del +3,6% dei Bookstore in franchising, in linea con la strategia di rafforzamento di tale canale.
Il margine operativo lordo adjusted è pari a -3,2 milioni di euro, in miglioramento rispetto ai -3,7 milioni al 30 giugno 2017 per effetto del progetto di razionalizzazione dei negozi in gestione diretta. Il margine operativo lordo si attesta a -3,5 milioni di euro, in significativo recupero rispetto ai primi sei mesi del 2017 per effetto di minori oneri di ristrutturazione.
Nel primo semestre del 2018 il Gruppo Mondadori ha registrato un progresso dell’EBITDA adjusted pari al 9%, recuperando la minore performance del primo trimestre dell’esercizio coerentemente ai piani operativi attesi.
I ricavi consolidati dei primi sei mesi dell’esercizio 2018 si sono attestati a circa 543,8 milioni di euro, in calo del 5,1% rispetto ai 573,1 milioni di euro dell’esercizio precedente, principalmente per la performance delle aree Periodici determinata dalla prosecuzione dei trend negativi dei mercati di riferimento a livello diffusionale e pubblicitario. In crescita del 4% i ricavi dell’area Libri.
Nel semestre in esame, il Gruppo ha più che recuperato la perdita operativa registrata nel primo trimestre che era interamente riconducibile all’area Periodici Italia.
L’EBITDA adjusted si è attestato a a 24,2 milioni di euro, in crescita del 9% rispetto allo scorso esercizio, con un’incidenza percentuale sui ricavi che è salita al 4,4%. Il margine operativo lordo consolidato è pari a 14,3 milioni di euro, in calo rispetto ai 27,6 milioni di euro del primo semestre dello scorso esercizio.
Il risultato operativo consolidato è negativo per 1,1 milioni di euro, rispetto ai +11,5 milioni di euro al 30 giugno 2017 ed include ammortamenti e svalutazioni per 15,4 milioni di euro, in calo dai 16 milioni di euro dell’esercizio precedente, per effetto della dinamica delle componenti straordinarie sopra citate.
Il risultato consolidato prima delle imposte è negativo per 12,4 milioni di euro e include: la significativa contrazione degli oneri finanziari, per effetto di un tasso di interesse medio pari al 2,13% rispetto al 4,36% dell’esercizio precedente nonché di un minore indebitamento netto medio; il risultato negativo delle società collegate, in peggioramento per effetto in particolare di Mach2 Libri, società operante nella distribuzione di libri al canale della GDO posta in liquidazione nel 2018.
Il risultato netto è negativo per 12,5 milioni di euro, rispetto ai +4,4 milioni di euro del primo semestre 2017, che aveva accolto plusvalenze nette pari a circa 7 milioni di euro e minori oneri di ristrutturazione, mentre il primo semestre 2018 ha registrato oneri per la liquidazione di Mach2 Libri pari a circa 7 milioni di euro.
La posizione finanziaria netta di Gruppo al 30 giugno 2018 si è attestata a -238,4 milioni di euro, in miglioramento di circa il 16% rispetto ai -284,4 milioni del 30 giugno 2017, per effetto della positiva generazione di cassa del Gruppo per circa 46 milioni di euro.
Al 30 giugno 2018, il flusso di cassa operativo degli ultimi dodici mesi è positivo per 80,3 milioni di euro; il flusso di cassa derivante dall’attività ordinaria è pari a 62,1 milioni di euro, confermando il percorso di rilevante generazione di cassa e miglioramento finanziario del Gruppo, con una conferma della cash conversion dell’EBITDA adjusted a oltre il 50%.
I ricavi consolidati del secondo trimestre dell’esercizio 2018 si sono attestati a 290,4 milioni di euro, con calo del 3,7% rispetto all’esercizio precedente, riferibile principalmente alle aree Periodici: come già ricordato, l’area Periodici Italia ha però evidenziato nel secondo trimestre un progressivo miglioramento della contrazione che, al netto della cessione di Inthera, si assesterebbe al 6,7%.
L’EBITDA adjusted del secondo trimestre 2018 è pari a 23,7 milioni di euro, in significativa crescita rispetto ai 18,2 milioni di euro dell’analogo periodo del 2017, riconducibile principalmente all’area Libri, in miglioramento di 5,2 milioni di euro.

Share Button