L’estensione al 2022 della Inversione Contabile dell’IVA su telefonini, tablet, computer e console per i videogiochi – unita all’obbligo per le piattaforme di intermediazione online di versare direttamente allo Stato il 22% del prezzo di tali prodotti venduti per conto di altri operatori ospitati nel proprio cosiddetto “marketplace” – è stata presentata come emendamento al Decreto Fiscale attualmente in discussione presso la Commissione Finanze del Senato.
L’Osservatorio Optime nella propria attività di monitoraggio del settore dell’elettronica in Italia ha avuto modo di riscontrare numerosissimi casi nei quali imprese di dubbia affidabilità hanno tratto vantaggio dal potersi appoggiare a piattaforme di vendita online per avere accesso al Mercato.
Tale circostanza sta dando luogo non solo ad illeciti di varia natura ma anche a diffusi fenomeni di distorsione della leale concorrenza tra operatori del commercio.
Si ritiene pertanto auspicabile che, ad iniziare dalle misure fiscali proposte, le piattaforme online siano tenute a farsi carico delle attività di prevenzione contro ogni forma di illegalità, in quanto anch’esse beneficiarie di percentuali sulle vendite effettuate loro tramite.

Share Button