Print Friendly, PDF & Email

Logo_UnieuroIl Consiglio di Amministrazione di Unieuro S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 31 agosto 2017.
Nel primo semestre 2017/18, chiuso lo scorso 31 agosto, Unieuro ha conseguito ricavi consolidati pari a 813,7 milioni di euro, in crescita del 6,9% rispetto ai 761,5 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente, con un incremento di 52,2 milioni di euro generato principalmente da volumi di vendita più elevati in gran parte dei canali distributivi e in particolar modo nel segmento online, per effetto della strategia omnicanale.
I ricavi like-for-like – ovvero la performance dei negozi aperti da almeno 26 mesi alla data di chiusura del periodo e comprendente sia le vendite retail sia il Click & Collect – si sono contratti del 2,3%, risentendo di una base di raffronto particolarmente sfidante. Nel primo semestre 2016/17, le attività promozionali conseguenti alla ristrutturazione e al rilancio di numerosi negozi, in particolare del flagship store di Roma Muratella, avevano eccezionalmente sospinto i ricavi di quei punti vendita. Depurata da tale effetto, la dinamica dei ricavi like-for-like di Unieuro ha sovraperformato il mercato consumer, che nel semestre è calato dello 0,7%.
Nel corso del semestre, Unieuro ha proseguito la strategia di sviluppo dei canali esistenti, rafforzando e migliorando il portafoglio negozi diretti, attraverso nuove aperture e acquisizioni, e razionalizzando la rete di affiliati. A ciò si è affiancata un’importante crescita del canale online grazie al successo del nuovo sito implementato in ottica mobile first e alla continua estensione dei pick-up point, che ha favorito l’incremento delle vendite click and collect sia nei negozi diretti che indiretti.
Il canale Retail (70,3% dei ricavi totali) ha registrato un incremento del 3,4% delle vendite a 572,3 milioni di euro, grazie all’esteso piano di ottimizzazione del portafoglio negozi e all’apertura di 21 punti vendita rilevati da Andreoli S.p.A. e operativi dal 1° luglio.
Il canale Wholesale (12,2% delle vendite complessive) ha registrato ricavi per 99,3 milioni di euro, con un decremento del 3,0% dovuto principalmente alla razionalizzazione del network di affiliati e all’ottimizzazione delle scorte operata dagli affiliati in accordo con il Gruppo.
Il canale Business-to-Business (7,2% dei ricavi totali) ha registrato ricavi per 58,6 milioni di euro (+11,8% rispetto al primo semestre dell’esercizio precedente). L’andamento del canale è stato influenzato positivamente dalle vendite della controllata Monclick, consolidata a partire dal 1° giugno, che hanno influito sul canale per circa 10 milioni di euro.
Il canale Online (8,8% dei ricavi totali) ha generato 71,6 milioni di Euro, in fortissima crescita rispetto ai 47 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente (+52,3%). Il notevole incremento è riconducibile all’effetto delle azioni strategiche poste in essere dal Gruppo nel corso degli ultimi dodici mesi, quali il restyling del sito internet e l’estensione della rete di pick-up point, oltre che di specifiche iniziative di Customer Relationship Management e personalizzazione dell’offerta commerciale che hanno incontrato il favore dei consumatori, portando le vendite a incrementarsi di 14,1 milioni di euro, pari a una crescita organica del 30%. Un ulteriore effetto positivo è da attribuire all’acquisizione del 100% di Monclick, le cui vendite nel periodo giugno-agosto 2017 sono ammontate a circa 10,5 milioni di euro.
Infine, il canale Travel (1,5% dei ricavi totali) ha registrato una crescita dell’88,9% a 11,9 milioni di Euro, beneficiando della nuova apertura nell’aeroporto di Orio al Serio e del punto vendita ubicato nella stazione di Torino Porta Nuova, aperto negli ultimi mesi dell’esercizio 2016/17.
Il semestre chiuso al 31 agosto 2017 ha registrato incrementi delle vendite per ogni categoria merceologica. La categoria Grey (47% dei ricavi totali) ha generato ricavi per 382,7 milioni di euro, in crescita del 1,6% alla luce del buon andamento dei ricavi consumer, parzialmente compensato dalla prevista riduzione delle vendite del segmento B2B di Unieuro.
La categoria White – che rappresenta il 27,7% delle vendite – ha generato un fatturato di 225,7 milioni di euro in crescita del 12,2% grazie alla strategia di ampliamento dell’offerta merceologica sulla categoria. La categoria Brown (17,1% dei ricavi totali) pur in assenza di innovazioni nel mercato di riferimento, ha conseguito nel semestre un fatturato di 139,1 milioni di euro, in crescita dell’8,4% rispetto al semestre precedente, grazie al positivo apporto del settore delle vendite B2B di Monclick.
Si registra un’ottima performance per la categoria Altri prodotti (4,6% dei ricavi totali), che include sia le vendite del settore entertainment sia di altri prodotti non compresi nel mercato dell’elettronica di consumo, come ad esempio le biciclette o i casalinghi. La categoria ha beneficiato delle innovazioni di prodotto sulla mobilità personale e della performance del comparto entertainment, registrando ricavi per 37,5 milioni di euro (+30,2%).
Buon andamento, infine, anche per la categoria Servizi (3,5% dei ricavi totali), che ha registrato una crescita del 7,5% a 28,7 milioni di Euro grazie al continuo focus della Società sull’erogazione di servizi alla propria clientela, in particolare sulle estensioni di garanzia.
Nel corso del semestre chiuso al 31 agosto 2017, l’EBITDA adjusted di Unieuro si è attestato a 14,7 milioni di euro, in crescita di 1,1 milioni (+8,1%) rispetto ai 13,6 milioni del semestre precedente. La marginalità sulle vendite è rimasta stabile all’1,8%.
La redditività è peraltro influenzata dai fenomeni di stagionalità tipici del mercato dell’elettronica di consumo, che registra forti ricavi e costi di acquisto delle merci nella parte finale di ogni esercizio, mentre i costi operativi presentano un andamento più lineare data la presenza di una componente di costi fissi che hanno una distribuzione uniforme nell’arco dell’esercizio. Conseguentemente, l’EBITDA adjusted risulta più debole nel primo semestre, dunque non rappresentativo della performance dell’intero esercizio.
Il risultato netto consolidato adjusted di Unieuro nel 1° semestre 2017/18 è stato pari a 3,1 milioni di euro, in aumento del 29,2% rispetto ai 2,4 milioni conseguiti nello stesso periodo del 2016/17, con un’incidenza sui ricavi dello 0,4% (0,3% nel corrispondente periodo dell’esercizio 2016/17). I benefici della gestione finanziaria e fiscale sono stati parzialmente annullati dall’aumento degli ammortamenti.
Nel semestre in esame, l’indebitamento finanziario netto del Gruppo si è incrementato di 73,8 milioni di euro rispetto al livello di 2,0 milioni registrato al 28 febbraio 2017, attestandosi a 75,8 milioni di euro. Ciò principalmente per effetto della delibera di distribuzione di dividendi per 20 milioni di euro e per gli investimenti relativi all’acquisto e al rilancio di imprese e rami d’azienda, il cui importo si è assestato a complessivi 26,9 milioni di euro.
Alla luce di quanto esposto e del livello registrato al termine dell’analogo periodo dell’esercizio precedente (78.9 milioni di euro al 31 agosto 2016), la dinamica dell’indebitamento finanziario netto è in sostanziale miglioramento.

Share Button